Salato/ Veloci

Polpette di ricotta al sugo

Anche voi convivete con qualcuno che è perennemente sotto stress per esami o altre piccole ansie della vita? Io sono abituata ad ascoltare i miei figli su quanto sia difficile tenere il passo con lo studio, dare sempre il massimo e pretendere tanto da sé stessi.. l’unico modo con il quale posso aiutarli è trasmettere l’amore infinito che provo per loro attraverso la mia cucina.

Infatti, a mio parere, anche il più semplice dei piatti con un pizzico di passione e una manciata di affetto può diventare un  modo per staccare dalla routine frenetica e gustarsi un pasto tutti insieme. Una dimostrazione sono queste polpette di ricotta al sugo, che hanno letteralmente fatto impazzire mia figlia, tanto da chiedermele come “premio” per la fine dei suoi esami di maturità.

Polpette di ricotta al sugo

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 6
Tempo di preparazione: 30 min.

Ingredienti

  • - 400 gr di ricotta di mucca;
  • - 200 gr di pane raffermo;
  • - 100 gr di parmigiano reggiano o pecorino;
  • - 2 uova piccole;
  • - 2 cucchiai di farina;
  • - 1 cipolla piccola;
  • - 400 gr di salsa di pomodoro;
  • - basilico q.b.;
  • - sale e olio q.b..

Preparazione

1

Assicuratevi che la ricotta sia ben asciutta e frullatela con il pane raffermo tagliato a pezzetti.

2

Unite anche il parmigiano, un uovo (aggiungete il secondo solo se vedete che il composto è molto compatto).

3

Inserite anche la farina, salate e pepate.

4

Dovete ottenere un composto molto denso (nel caso aggiungete un cucchiaio di farina).

5

Mentre fate riposare un poco il composto in frigo, preparate il sugo. Fate soffriggere la cipolla tagliata a pezzetti con olio in una padella. Dopo alcuni minuti versate la salsa….salate e se gradite unite del peperoncino. Allungate la salsa con un bicchiere di acqua e preparate le polpette.

6

Sistematele nel sugo e coprite con un coperchio.

7

Cuocete a fiamma bassa per almeno 20 minuti (a metà cottura giratele con cuocerle uniformemente).

8

Spegnete e servite con basilico fresco.

Note

IL VINO: abbinerei questo piatto ad un vino bianco come l'Asprinio DOC di Aversa, prodotto da un vitigno autoctono campano, diffuso nella zona di Caserta.

Potrebbe interessarti anche

Nessun commento

Scrivi un commento