Browsing Tag:

pomodori

Salato/ Veloci

Linguine con crema di broccoli pomodori sott’olio e granella di taralli

“Sei un broccolo!!!”. Quante volte capita di dirlo o di sentirselo dire…e comunque questo appellativo, non molto carino, sta per incapace o tonto. Sallo!!!

Eppure questa cattiva abitudine adesso è in forte controtendenza ed il riferimento, al contrario, deve essere considerato alla stregua di un gran complimento…anche in seguito agli studi fatti sulla pianta che ne hanno accertato le sue molteplici virtù nutrizionali e sanitarie, che a quanto pare non sono né poche né insignificanti.

Ed allora non offendetevi se qualcuno vi chiamerà così; d’ora in poi…siatene felici!!! Perchè ricordatevi…essere broccoli è bello…ma il broccolo è buono!

Comunque, i broccoli sono come il pesce: o si amano o si odiano. C’è chi apprezza quel sapore deciso e la consistenza particolare, e chi invece ne detesta non solo il gusto, ma pure l’odore. Vedi il mio compagno. Io, vi dirò, da un po’ di tempo li preferisco anche alle nostre cime di rapa.

Ricerca correlata: Taralli scaldati Pugliesi

Linguine con crema di broccoli pomodori sott'olio e granella di taralli

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 4
Tempo di preparazione: 40 min.

Ingredienti

  • - 320 gr di linguine;
  • - 400 gr di broccoli;
  • - 5 pomodori sott'olio;
  • - 2 taralli pugliesi (trovate la ricetta per realizzarli all'interno del blog "Taralli scaldati Pugliesi");
  • - 8 acciughe sott'olio;
  • - 130 ml di brodo vegetale o di acqua di cottura dei broccoli;
  • - 1 spicchio d'aglio;
  • - 20 gr di olio e.v.o. (2 cucchiai);
  • - sale q.b.;
  • - pepe nero q.b..

Preparazione

1

Aromatizziamo l'olio all'aglio. Per tempo, vi consiglio di farlo qualche ora prima, private l'aglio della pellicina, eliminate l'anima, schiacciatelo leggermente ed immergetelo nell'olio. Trascorso il tempo necessario filtrate l'olio e conservatelo in un vasetto di vetro (se desiderate potrete realizzarne di più e conservarlo. In tal caso, per 1 litro di olio utilizzate 10 spicchi d'aglio e tenete a macerare per circa 2 settimane).

2

Pulire i broccoli è un’operazione semplice e veloce: va eliminata la parte più dura dei gambi, ma non del tutto, perché anche i gambi sono ottimi e la loro consistenza crea un piacevole contrasto con la morbidezza delle cime. Una volta tolto in parte il torsolo centrale, il broccolo va diviso in cimette, e quest'ultime ancora divise in due nel senso della lunghezza, operazione che si può evitare con le cimette più piccole. A questo punto si sciacqua tutto accuratamente in uno scolapasta sotto l’acqua corrente.

3

Non fate l'errore di buttare le foglie perché sono ricche di vitamina A e C, e per di più, da cotte hanno un gradevole retrogusto amarognolo.

4

I broccoli vanno lessati preventivamente (potrete anche cuocerli al vapore, se volete mantenere intatte tutte le preziose proprietà nutrizionali, oppure al microonde). Basteranno 10/15 minuti in acqua bollente salata (contando lo stesso tempo per la cottura a vapore, mentre per il microonde il tempo varierà in base alla quantità e alla potenza impostata). Saranno cotti quando anche la parte di gambo lasciata attaccata alle cimette risulterà morbida. Scolateli e versateli subito in una boule di vetro con acqua ghiacciata per fissarne il colore; lasciateli pure a mollo per qualche minuto. Conservate qualche cimetta per la guarnizione dei vostri piatti.

5

Come per tutte le verdure, broccoli compresi, l’acqua di cottura non va buttata poiché ricca di nutrienti e vitamine. Vi potrà servire nello step successivo al posto del brodo.

6

Inserite i broccoli all'interno di un frullatore con una parte del brodo (o dell'acqua di cottura) e le acciughe. Frullate il tutto e, dall'imbocco del bicchiere, versate a filo l'olio aromatizzato all'aglio. Regolate di sale e spolverizzate il pepe. Dovrete ottenere una crema fluida ed omogenea. Versate la salsa all'interno di una padella capiente.

7

Tagliate alla julienne i pomodori e riducete in granella i taralli (basterà schiacciarli leggermente con un batticarne tra due fogli di cartaforno).

8

In una pentola capiente portate a bollore abbondante acqua salata. Scolatela al dente e versatela all'interno della padella con la crema di broccoli e saltatela per qualche minuto aggiungendo, se del caso, per farla legare con la salsa, dell'altro brodo (o acqua di cottura dei broccoli). Prima di spegnere versate un filo d'olio per conferire una maggiore cremosità.

9

Non vi resterà che impiattare e guarnire le vostre linguine con le cimette di broccoli, i pomodori sott'olio e la granella di taralli.

10

Buon appetito!!!

Note

IL VINO: vi consiglio di gustare questo piatto con un vino bianco come l'Apulo bianco (Fiano e Falanghina) della "Masseria Altemura" di Torre Santa Susanna (BR). Potrete trattare le foglie di broccolo come gli spinaci: lavate e messe in una pentola a lessare solo con l’acqua con cui sono state lavate, per poi essere saltate in padella, oppure messe direttamente in padella, con un filo d’olio, uno spicchio d’aglio e poca acqua del lavaggio, ed ecco pronto un secondo piatto leggero e salutare. Oppure, una volta lessate, possono anche essere semplicemente condite con olio e sale per una fresca insalata.

Salato

Peperoni ripieni di riso al forno

Tempo fa qualcuno  mi chiese cosa volessi a Natale ed io risposi “Voglio solo un biglietto d’amore!”.

Mia figlia, per esempio, mi scrive su cartoncini simpaticissimi ed io non posso che essere la mamma più felice del mondo.

Sono piccole espressioni d’amore che ci danno gioia e felicità.

La cucina per me è un’espressione d’amore…è come dire …”ho dedicato il mio tempo a prepararti una cosa che ti piace tanto e che ti rende felice!

Siete d’accordo?

E come non fare la mia famiglia felice con un piatto salato come con i peperoni ripieni di riso?

Peperoni ripieni di riso al forno

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 4
Tempo di preparazione: 1 h 30 min.

Ingredienti

  • - 3 peperoni;
  • - 150 gr di riso;
  • - 1 noce di burro;
  • - 2 cucchiai abbondanti di parmigiano;
  • - capperi;
  • - prezzemolo;
  • - olio sale e pepe q.b.;
  • - 1 uovo;
  • - 2 scatolette di tonno da 80 gr. sgocciolato;
  • - 4 pomodorini;
  • - un poco di latte.

Preparazione

1

Cuocere al dente il riso e conditelo ancora caldo con il burro ed il parmigiano.

2

Lavate e tagliate per la lunghezza i peperoni ricavando così delle "barchette".

3

Eliminate i filamenti interni ed i semi.

4

In una ciotola preparate la farcitura dei peperoni con il riso condito, i capperi, il prezzemolo tritato, l'uovo, il tonno, i pomodorini tagliati a pezzetti, sale, pepe ed un goccino di latte.

5

Distribuite il composto nei peperoni e pontile in una pirofila unta di olio.

6

Una volta sistemati i peperoni condite con un ulteriore filo di olio.

7

Cuocete in forno caldo a 200°C per almeno 1 ora.

Note

IL VINO: vi consiglio di abbinare questa preparazione ad un vino bianco come il Vermentino DOC 2017 Le Stoppie della Fattoria "San Felo" di Magliano in Toscana (Grosseto). Nella farcitura potete aggiungere eventuali ritagli di peperoni avanzanti.

 

 

Lievitati/ Salato

Focaccia Bianca

E’ inutile la focaccia piace in tutti i modi…siete d’accordo?

Noi Baresi la preferiamo condita con i pomodori e le olive (vedi la ricetta che ho postato sul blog clicca qui) ma in altre città italiane la fanno in moltissimi altri modi.

La focaccia bianca è davvero invitante per la sua doratura e la sua semplicità…slurp!!

Vi lascio la ricetta che ho trovato in rete (con qualche piccola  modifica) e che ho provato subito (i miei l’hanno farcita con i salumi…mamma mia che bontà!!!)

Buona giornata e a presto con il mio prossimo pasticcio.

Focaccia Bianca

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 4,33 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 4
Tempo di preparazione: 4 h e 30 min.

Ingredienti

  • Per due teglie quadrate 30x30
  • - 300 gr di acqua a temperatura ambiente;
  • - mezzo cubetto di lievito di birra fresco;
  • - 1 cucchiaino di miele o di zucchero;
  • - 500 di farina "00";
  • - 35 di olio di oliva delicato;
  • - 10 gr di sale fino.
  • Prima di infornare:
  • - 10 gr di sale.
  • Emulsione di :
  • - 20 gr di acqua;
  • - 50 gr di olio di oliva delicato.

Preparazione

1

Impastate su un piano di lavoro tutti gli ingredienti tranne il sale che aggiungerete dopo poco.

2

Lavorate bene perché l'impasto deve essere liscio ed elastico.

3

Ponete a lievitare per 2 ore in una ciotola unta e coperta con pellicola.

4

Al termine ungete le teglia ed adagiate l'impasto distribuendole su tutta la superficie.

5

Spennellate con un poco di olio e salate per bene.

6

Fate lievitare ancora per 1 ora.

7

Fate con le dita delle pressioni su tutta la focaccia senza andare in profondità ed distribuite l'emulsione olio/acqua (tranquilli nel forno evaporerà).

8

Fate lievitare ancora 1 ora e poi cuocete in forno caldo modalità statico a 220°C per 15 minuti.

9

Quando cotta sfornate e rovesciate la focaccia in modo che l'aria passi anche sotto per evitare che diventi morbida.

Note

ABBINAMENTO: vi consiglio di gustare questa focaccia, che dall'aspetto sembra un prodotto di grande semplicità ma, di fatto, non lo è, con un'ottima birra artigianale come l'AncestrAle della Cooperativa Alta Quota di Cittareale (RI). Vi assicurò che è un connubio perfetto!

Salato/ Veloci

Frittata di spaghetti mozzarella e pomodorini

Per me la frittata è una soluzione salva cena.

La preparo in mille modi e spesso utilizzo gli ingredienti “svuotafrigo”.

Proprio ieri avevo cucinato gli spaghetti e ne ho previsti di più proprio per fare una frittata come si deve.

I miei la adorano soprattutto nel panino.

Semplice ma è sempre buona.

Frittata di spaghetti con mozzarella e pomodorini

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 8
Tempo di preparazione: 30 min.

Ingredienti

  • - 8 uova;
  • - 80 gr parmigiano reggiano o pecorino grattugiato;
  • - basilico q.b.;
  • - 2 mozzarelle piccole;
  • - sale e pepe q.b.
  • -100 gr di spaghetti già cotti e conditi con il sugo;
  • - olio q.b..

Preparazione

1

Mescoliamo le uova con il formaggio il sale e il pepe.

2

Uniamo gli spaghetti tagliati con una forbice e le mozzarelle a pezzettini.

3

Aggiungiamo il basilico a pezzetti.

4

In una padella antiaderente mettiamo l'olio a scaldare un poco e poi versiamo il composto.

5

Copriamo con coperchio e mettiamo al minimo e cuociamo per almeno 25 minuti.

6

Controlliamo sempre evitando che si attacchi al fondo della padella. Servitela ancora calda!!!

Note

IL VINO: ho accompagnato questo piatto con un vino rosso il Romice Salice Salentino della "Cantina Ionis" di Martina Franca (TA). Vino dal colore rosso rubino con riflessi violacei, dai profumi fruttati, al palato di buona struttura e persistenza.

Senza categoria

Panini Scugnizzo (versione Bimby)

Forse in un’altra vita lavoravo in un caseificio, le mozzarelle e tutti i prodotti caseari li mangerei ogni giorno. Siete d’accordo con me che sono buonissimi? Nel mio frigo non mancano mai, vuoi perché anche con una insalata prepari velocemente una cena oppure per la realizzazione di piatti più completi. Ma quando quelle rare volte mi avanzano, un paio di fiordilatte, li utilizzo per la preparazione di questi panini sfiziosissimi.

Panini Scugnizzo (versione Bimby)

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 25 pezzi

Ingredienti

  • 250 gr di mozzarella
  • 40 gr di olio di oliva
  • 60 gr di acqua
  • 250 gr di farina 0
  • 1/2 cubetto di lievito di birra fresco
  • 2 cucchiaini rasi di zucchero
  • 2 cucchiaini rasi di sale fino
  • Per farcire:
  • pomodorini
  • olive verdi o nere

Preparazione

1

Mettere nel boccale la mozzarella 10 sec. vel. 6

2

Riunite sul fondo con la spatola

3

Aggiungete olio e acqua 8 sec, vel, 6

4

Unite il lievito lo zucchero la farina ed il sale 2 min. Spiga.

5

Fate lievitare per almeno due ore.

6

Formate delle palline e disponete su una teglia rivestita di carta forno.

7

Fate un incavo al centro di ogni panino e ponete mezzo pomodorino o una oliva(io ho messo anche dei semi di papavero).

8

Ponete a lievitare in forno spento con luce accesa

9

Cuocete in forno statico 180° per 15/20 minuti fino a doratura.

Lievitati/ Salato

Panzerotti baresi

Ragazzi non scherziamo! I panzerotti Baresi (perdonatemi per il campanilismo…non Pugliesi), da non confondersi con quelli Gallipolini (o Salentini) e neanche con il similare calzone Campano, che li accomuna solo per la forma a mezzaluna, sono rigorosamente FRITTI. I panzerotti sono ormai un cult della gastronomia Barese. Ex aequo con la birra Peroni. Anzi, vi dirò di più, i panzerotti vanno mangiati sorseggiando una buona Peroni fredda!

La tradizione vuole che i Calzengiedde che la recotte asckquande (questo il loro nome in Barese) si preparassero nelle case alla vigilia di Capodanno e a Carnevale. Adesso sono entrati di diritto nel mondo dello street food. Le proposte e le alternative sono ormai tante. Ve ne voglio segnalare una in particolare, se doveste mai capitare da queste parti, che ho avuto modo di apprezzare. Li troverete in giro a bordo del loro truck food , sul quale girano l’Italia esportando il panzerotto fritto Barese, con il brand Frisce e Mange.

Bando alle ciance! I panzerotti, signori miei, hanno un loro disciplinare così come il ripieno, non come ormai si vuole far credere nel mondo globalizzato, che è uno ed uno solo…come da tradizione. Da che cosa è composto questo magico ripieno? Ve lo dico subito…gli ingredienti fondamentali sono quattro. La ricotta fortigna, i pomodori d’inverno (e su questi ci ritornerò), la cipolla affettata e l’alice salata. BASTA!

Ad ogni modo, c’è la versione ormai largamente conosciuta che prevede il tipico ripieno di mozzarella e pomodoro oltre alla versione ripiena con un trito di carne. Ma ai Baresi piace il panzerotto ripieno con le cime di rape.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...
da Taniuccia n° persone: 4
Tempo di preparazione: 3: 45 minuti

Ingredienti

  • - 500 gr semola di grano duro rimacinata;
  • - 300 gr di acqua;
  • - 15 gr di olio e.v.o.;
  • - 15 gr di sale;
  • - 5 gr di zucchero;
  • - 5 gr di lievito;
  • CONDIMENTO (ricetta originale)
  • - 50 gr di ricotta fortigna;
  • - 100 gr di pomodori d'inverno;
  • - 50 gr di cipolla affettata;
  • - 1 alice salata;
  • - sale q.b.;
  • - pepe q.b..
  • CONDIMENTO (classico)
  • - pomodoro;
  • - mozzarella;
  • - sale q.b.;
  • - pepe q.b..

Preparazione

1

Su una spianatoia disporre la semola a fontana, inserire gli ingredienti tranne l'olio. Ricordatevi che il lievito va sciolto in acqua a temperatura ambiente e non calda come dicevano le nostre nonne.

2

Impastare (sarebbe meglio utilizzare una planetaria con il gancio altrimenti come si dice a Bari "trombate la massa" con le mani), aggiungendo in ultimo l'olio, fino ad ottenere una pasta liscia e omogenea.

3

Rivestire l'impasto con una pellicola e far riposare per circa 20 minuti.

4

Dividete quindi l'impasto formando delle palline di grandezza omogenea e lasciarle lievitare a temperatura ambiente per almeno 3 ore.

5

Soffriggere in una padella la cipolla finché non sarà appassita, far raffreddare e tenere da parte.

6

Stendere la palline di pasta con il matterello cercando di conferire una forma circolare. Su ciascun dischetto si spalma un po' di ricotta fortigna, si aggiunge un po' di pomodorino tagliuzzato, un po' di cipolla soffritta, un pezzettino di alice salata, sale e pepe.

7

Ripiegare il dischetto, facendogli assumere la forma di mezzaluna e chiuderlo tutt'intorno con le dita o la forchetta oppure con la rotellina a merli. Assicuratevi che siano ben sigillati per evitare che durante la cottura si aprano e sporchino l'olio.

8

Se avete i capelli puliti o siete appena uscite dalla parrucchiera a questo punto vi consiglio di munirvi di bella cuffia. Ora potete friggere...utilizzate una campiente casseruola (la tradizione vuole che si usi sempre la stessa), con abbondante olio e.v.o. bollente, e, dorati, sgocciolarli e servirli ben caldi.

9

Ovviamente se optate per il ripieno classico utilizzate gli ingredienti elencati e procedete come già descritto.

Note

Normalmente per ottenere l'impasto dei panzerotti viene utilizzata una farina di grano tenero ma io, dopo aver fatto il corso specifico, uso la semola di grano duro rimacinata - "Le semole d'autore" dell'Azienda Casillo per panzerotti e frittelle (la troverete negli scaffali della grande distribuzione o consultando il sito ). Vi dò alcuni consiglio per l'impasto. Usate un quantitativo di sale e di olio pari al 3% e 5 gr di zucchero su 1 kg. La sua consistenza dovrà essere più dura rispetto all'impasto della pizza (utilizzate mediamente 200 gr di acqua in meno su 1 kg di farina).